Guadalupa e Martinica: La rivolta sociale e l'appello di Combat ouvrier

Print
Guadalupa e Martinica: La rivolta sociale e l'appello di Combat ouvrier
20 novembre 2021

Da Combat ouvrier (Battaglia operaia - UCI - Guadalupa e Martinica )

"Ai lavoratori, ai giovani, al popolo, proseguiamo la lotta fino alla vittoria!"

L'attuale rivolta sociale è profonda ed era prevedibile! Ma lo Stato gioca a fare il cieco e il sordo. La scintilla che ha appiccato l'incendio è la brutale repressione contro gli operatori sanitari, i vigili del fuoco, alcuni addetti alla pubblica istruzione e il personale dei ricoveri per anziani. Sono sospesi, privati di stipendio, con famiglie in grandi difficoltà, perché non sono vaccinati.

Ci dicono che questa è la legge, ma in realtà è un'enorme violenza sociale contro questi lavoratori! È la violenza sociale di un Macron e del suo governo che vogliono far chinare la testa ai lavoratori, addestrarli ad obbedire al governo dei ricchi, addestrarli ad obbedire ai loro sfruttatori!

Combat Ouvrier è sempre stato a favore del vaccino ma contrario alla vaccinazione obbligatoria con gravi sanzioni contro i lavoratori. Se il governo francese fosse così preoccupato per la nostra salute, avrebbe da tempo fornito agli ospedali attrezzature e personale supplementari. Ci sarebbe stato almeno un po' più di ossigeno per evitare che alcune persone morissero di COVID in agosto perché non ce n'era abbastanza. La dedizione del personale infermieristico è sempre stata straordinaria. I responsabili del disastro sanitario in corso sono il governo e i dirigenti amministrativi degli ospedali.

E non solo nelle Antille, ma anche in Francia.

Le cause dell'esplosione di rabbia sono profonde:

L'aumento dei prezzi della benzina e dei prodotti alimentari sta strangolando le famiglie. 120% di aumento per un chilo di verdure, 68% per il pane.

Gli incessanti tagli dell'acqua corrente stanno diventando intollerabili. Così come l'avvelenamento dell'acqua corrente con il clordecone e le materie fecali. Per anni e anni ci hanno promesso miglioramenti. Siamo stufi!

  • L'aumento della povertà sta scatenando la rabbia, soprattutto tra i giovani.
  • Il disprezzo dei grandi padroni suscita la rabbia e gli scioperi dei lavoratori, nel settore alberghiero, alla ArcelorMittal dove i lavoratori sono in sciopero da più di 76 giorni senza alcuna proposta da parte del padrone.
  • Basta con la disoccupazione di massa!
  • Un'emigrazione di massa verso il mondo esterno, che svuota la Guadalupa della sua gioventù, senza possibilità di ritorno.

Furti, rapine, incendi e vandalismo

In queste situazioni e in tutti i paesi si verificano furti, saccheggi, rapine e incendi. Come nel 2009, come durante la rivolta dei gilet gialli in Francia. Non si tratta di piangere su questi fatti ma prima di tutto di capire. Capire le loro cause, che sono la miseria e l'assenza di prospettive. Questo provoca anche risse mortali tra i giovani nei vari quartieri e persino nella prigione di Baie-Mahault in tempi "normali".

Ci sono giovani che, consapevolmente, si uniscono al movimento di proteste e manifestazioni. Hanno assolutamente ragione!

Per ora, l'unica risposta del governo è inviare più forze repressive! Questo è il suo unico linguaggio!

Di fronte a questo atteggiamento, i lavoratori e la popolazione devono continuare la lotta collettiva nelle aziende e al di fuori: scioperi, manifestazioni, espressione di malcontento per chiedere almeno:

  • La revoca definitiva di tutte le sospensioni dei lavoratori
  • La revoca di tutti i procedimenti legali contro i sindacalisti e i manifestanti
  • Un aumento sostanziale e uniforme dei salari, delle pensioni e delle prestazioni sociali minime
  • La risoluzione definitiva del problema dell'acqua corrente
  • Un massiccio piano di assunzione di giovani.

Per realizzare tutto questo, i soldi non mancano. Ma si trovano nelle casse dei capitalisti che stanno accumulando miliardi di profitti.

Mentre il prezzo della benzina aumenta, la Total ha appena fatto 4,6 miliardi di euro di profitti nell'ultimo trimestre, 23 volte di più di un anno fa nello stesso periodo. Le banche europee sono in procinto di fare nel 2021 profitti più alti che mai. Société Générale, per esempio, ha visto il suo utile netto quasi raddoppiare in un anno. Nel terzo trimestre, ammontava a 1,6 miliardi di euro. L'utile netto di BNP ha raggiunto 2,5 miliardi di euro. Il denaro dovrebbe quindi essere preso dagli enormi profitti del gran capitale!

Ai lavoratori: facciamo un vero sciopero generale nelle aziende. È il momento giusto.

A coloro che sono in sciopero, come gli ospedalieri e tutti gli operatori sanitari, sulla ventina di picchetti, alla ArcelorMittal, nel settore alberghiero, tenete duro!

Ma lo sciopero deve estendersi ovunque in un vero sciopero generale. Questo è il momento giusto per estendere attivamente il movimento e fare in modo che altre aziende entrino in sciopero

I blocchi sono una forte espressione della rabbia popolare che per ora va mantenuta, ma lo sciopero generale è più efficace perché attacca direttamente i grandi padroni per fare in modo che attingano dai loro profitti per migliorare le condizioni dei lavoratori. Formuliamo le nostre richieste azienda per azienda oltre a quelle generali. Organizziamo assemblee generali, eleggiamo un comitato di sciopero con il sostegno dei lavoratori e dei sindacati e votiamo. Votare per uno sciopero è la soluzione migliore in questo momento! Sono i lavoratori che con la loro forza e la loro lotta possono far sì che i giovani si uniscano alla lotta collettiva e dirigano la loro rabbia cieca non contro i negozianti e la popolazione ma verso un'azione collettiva con noi, contro il grande capitale e il suo governo.

Ai giovani che commettono atti di delinquenza

La maggior parte di voi è disoccupata, povera e arrabbiata. Si commettono atti di delinquenza perché si è stanchi di una tale vita. Ma vi invitiamo a usare la vostra violenza per la causa comune dei lavoratori.

Condividiamo la vostra rabbia ma non tutte le vostre azioni. Abbiamo bisogno di voi. Vi invitiamo a ragionare piuttosto che rompere e rubare.

Con voi saremo più forti. Con voi, lotteremo, per esempio per esigere un lavoro meglio retribuito per tutti, salari più alti, assunzioni di massa, in una lotta collettiva, con la stessa esasperazione e determinazione che mettete nel commettere atti individuali di rapina!

Ovunque creiamo comitati d'azione!

Combat Ouvrier invita alla lotta collettiva ma anche all'organizzazione!

Creiamo comitati d'azione ovunque, nelle aziende, nei comuni, nei quartieri.

In questi comitati, discutiamo della situazione e formuliamo le nostre richieste. I lavoratori, i giovani, la popolazione, i piccoli commercianti, i piccoli agricoltori devono decidere loro stessi cosa vogliono.

Eleggeremo i nostri rappresentanti tra di noi in ogni comitato d'azione.

Allora saremo una forza sociale che viene dal basso, dai più poveri, dai più sfruttati. Questa forza conterà e potrà influenzare il corso degli eventi con le soluzioni proprie al popolo più sfruttato, più dominato, più colonizzato!

Prendiamo il potere in modo da far valere la nostra forza e che nessun altro decida del nostro destino!

Appello di Combat Ouvrier (UCI), 20 novembre 2021